Censimento e classificazione delle sorgenti di campo elettromagnetico Stampa
Campi Elettromagnetici - Valutare il rischio elettromagnetico
Scritto da Alessandro Merlino (CeSNIR srl, a.merlino@cesnir.com)   
Sabato 20 Agosto 2011 10:09

Le sorgenti presenti in azienda sono individuate a mezzo delle informazioni in possesso del SPP (Servizio di Prevenzione e Protezione), della direzione tecnica (capotecnico, responsabile del laboratorio, ...) e a mezzo di un sopralluogo compiuto dal valutatore esperto, sentito gli RLS.
L’esito di questa indagine è costituito da un elenco di macchine e/o sistemi, piuttosto che elementi di questi (compresi tratti di cavi elettrici, morsettiere di macchine ad alto assorbimento di energia elettrica, ...), per ognuna delle quali è descritto il tipo di radiazione emessa, le modalità di emissione, la collocazione materiale in azienda.

Censite le sorgenti, richiamato l’art. 181 del D.Lgs 81/08 che, al comma 3, indica che la valutazione dei rischi può includere una giustificazione del datore di lavoro secondo cui la natura e l’entità dei rischi non rendono necessaria una valutazione dei rischi più dettagliata, si procede con la classificazione tra giustificabili e non. Risultano giustificabili tutte le sorgenti i cui effetti negativi sulla salute possono essere ragionevolmente esclusi e pertanto il campo elettromagnetico emesso non dà luogo a un’esposizione che deve essere misurata o calcolata ai fini della sua quantificazione, poiché è automaticamente conforme ai limiti di legge.
Un elenco di sorgenti giustificabili è fornito dalla Tabella 1 (Luoghi di lavoro e apparecchiature conformi a priori) di cui alla norma CEI EN 50499.
Luoghi come i centri di calcolo, gli uffici, negozi, alberghi risultano normalmente giustificabili. Naturalmente deve comunque essere valutato se in tali luoghi possano sussistere esposizione a campi elettromagnetici generati da importanti sorgenti esterne come, ad esempio, l’eventuale cabina di trasformazione quando questa fosse collocata in adiacenza ai locali stessi. Tale situazione potrebbe configurare un’esposizione indebita da valutare.

Per un elenco di tipiche sorgenti occupazionali di campo elettromagnetico si rimanda all'articolo "Otto punti fondamentali della valutazione del rischio elettromagnetico (punto n. 2)" presente nella sezione "Il rischio elettromagnetico in breve".

Ultimo aggiornamento Giovedì 09 Febbraio 2012 14:53
 
Licenza Creative Commons
Quest'opera è curata da CeSNIR srl ed è distribuita
con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.